3° pilastro 3B nel 2024

3° Pilastro 3B

Il 3B, noto anche come 3° pilastro gratuito, funziona come un conto di risparmio che si accumula liberamente per raggiungere un obiettivo di vita, per la pensione o per risparmiare beneficiando di garanzie e protezione. Questa soluzione presenta molti vantaggi, che andremo a scoprire. 

Chi può fare un 3B ?

Il pilastro 3B è consigliato in molte situazioni. Ma c’è qualcuno che può davvero fare un 3B da terzo pilastro? Beh, sì.

A differenza del pilastro 3A, per il quale è necessario disporre di un reddito redditizio in Svizzera, chiunque può costituire un pilastro 3B, indipendentemente dallo status lavorativo, dall’età, dalla nazionalità o dal luogo di residenza. Su quest’ultimo punto, è importante essere residenti in Svizzera o lavorarci come frontalieri.

Quali sono le
Le condizioni del 3° pilastro 3B?

Come suggerisce il nome, il 3° pilastro 3B Libre è la forma più flessibile di 3° pilastro. Scopriremo quali sono il quadro giuridico e le condizioni, in termini di riscatto, durata, importo e beneficiari. Vale una sola regola: il 3B è esclusivo delle compagnie di assicurazione, quindi non esisterà nel settore bancario.

La durata è libera, in modo che possiate raggiungere gli obiettivi del vostro progetto così come li avete definiti. Poiché il 3B fa parte di una polizza assicurativa, le compagnie possono stabilire un periodo minimo compreso tra 5 e 10 anni. In genere ci vogliono 10 anni perché la soluzione dia i suoi frutti.

Questa volta non c’è limite all’importo che decidete di risparmiare. È quindi possibile definirlo come si desidera.

Il 3° pilastro B beneficia di una libertà totale A differenza del pilastro 3A, il 3° pilastro 3B è totalmente libero per quanto riguarda i prelievi. Non c’è motivo di ritirare i propri risparmi e non c’è una durata minima. Potete ritirare tutti o parte dei vostri risparmi in qualsiasi momento.

Ma attenzione ai valori di riscatto. La soluzione e le garanzie fornite dall’azienda hanno un costo, che viene generalmente detratto in caso di cessazione anticipata della soluzione. È quindi importante controllare i valori di riscatto, soprattutto nei primi anni.

Richiedete un confronto gratuito del 3° pilastro 3B in 2 minuti:

Previous slide
Next slide

Qual è la
clausola beneficiaria del 3B?

Il 3B consente di definire liberamente la clausola beneficiaria e di scegliere l’ordine di successione in caso di morte. 

Anche in caso di decesso, potrete decidere chi riceverà questi risparmi, quindi il contraente, l’assicurato e il pagatore dei premi possono essere diversi, il che può essere interessante in alcuni casi. 

Il fatto che il 3B sia sotto forma di assicurazione consente inoltre di combinare il potenziale di reddito e/o la sicurezza con la possibilità di copertura in caso di morte o invalidità. In questo caso, beneficiate di una copertura assicurativa completamente flessibile in caso di decesso o invalidità. Scopriamo come funzionano. 

Potete scegliere se includere o meno una prestazione in caso di decesso nel vostro 3B. La prestazione in caso di decesso sarà automaticamente pari alla prestazione in caso di vita, per cui i vostri cari saranno protetti in caso di incidente, fin dall’inizio del 3B.

È inoltre possibile definire l’importo che si desidera ricevere in caso di decesso, e quindi aumentarlo o diminuirlo.

Come la prestazione in caso di decesso, si tratta di un’opzione che potete decidere di includere o escludere. La polizza protegge dai rischi legati all’invalidità causata da malattia o infortunio. Il principio è semplice: la compagnia di assicurazione si impegna a pagare i premi per tutta la durata del contratto o per tutta la durata dell’invalidità, nel caso in cui l’assicurato diventi invalido. Potete scegliere tra 4 periodi di attesa prima che la compagnia si faccia carico dei vostri premi. 3 mesi, 6 mesi, 12 mesi e 24 mesi.

La pensione di invalidità è diversa dall’esenzione. In questo caso si definisce in anticipo l’importo che la compagnia pagherà in caso di invalidità. Questa copertura significa che riceverete una somma di denaro in caso di invalidità. Questa volta il periodo di attesa è definito in anticipo, perché la copertura entra in gioco quando l’AI entra in gioco e il reddito si riduce. È valido per 24 mesi.

Quali sono le
tassazione del 3° pilastro Libre 3B?

Sebbene sia un terzo pilastro e sia incoraggiato dalla Confederazione, il 3B non prevede alcuna deduzione fiscale, a differenza del 3A. Ma come spesso accade, esistono alcune eccezioni fiscali a Friburgo e Ginevra, che le applicano. Solo in questi due cantoni sarà addirittura possibile dedurre fiscalmente il vostro 3B, generando così un significativo guadagno fiscale, senza vincoli di prelievo.

Sebbene inizialmente non preveda deduzioni fiscali, il 3B mantiene alcuni vantaggi fiscali. A differenza delle soluzioni bancarie, i rendimenti non sono tassati se il vostro 3° pilastro 3B soddisfa determinati criteri. Inoltre, il prelievo di capitale dal vostro 3B non è soggetto a imposte, a differenza dell’imposta sul 3A. Per le soluzioni con un elevato potenziale di rendimento, questo è un grande vantaggio.

Dovrete comunque dichiarare fiscalmente i risparmi accumulati nei valori di riscatto e pagare un’imposta sul patrimonio generalmente di modesta entità.

Che tipo di investimenti del terzo pilastro esistono?

Un investimento tradizionale vi garantisce un importo minimo contrattuale, indipendentemente dai mercati, da una crisi o da un fallimento. Questa garanzia è generalmente integrata dalle eccedenze. Ridistribuendo il suo L’azienda vi paga in base ai risultati ottenuti. Attualmente sono intorno al 2%. Si tratta quindi di una soluzione interessante se siete alla ricerca di una garanzia.

Questa è la soluzione con i rendimenti più elevati. Attualmente, i mercati hanno una media annua compresa tra l’8% e il 12%. Potete scegliere la percentuale di azioni del vostro fondo o il suo orientamento. Si tratta della soluzione più rischiosa, in quanto non esiste una garanzia di capitale minimo.

Questa soluzione è simile a un mix tra investimenti tradizionali e investimenti in fondi, da cui il nome. È possibile scegliere una percentuale di copertura compresa tra il 10% e l’80%, che funge da base minima garantita. La differenza sarà poi investita in un fondo con l’obiettivo di ottenere un sostanziale rendimento aggiuntivo. Questi investimenti misti possono ottenere tra il 5% e il 9%, beneficiando di una rete di sicurezza minima grazie al capitale garantito.

Come posso confrontare i prodotti del 3° pilastro?

Esistono molte soluzioni diverse per il 3B, ma sono tutte uguali? Assolutamente no. Alcune aziende sono leader in un tipo di soluzione o per un determinato profilo di cliente e non in un’altra forma di soluzione. È quindi importante confrontare e ottenere preventivi dal maggior numero possibile di compagnie.

Si consiglia inoltre di analizzare i dati previsionali forniti dalle aziende. La storia della soluzione e la % necessaria per raggiungerla sono fondamentali.

Per questo motivo abbiamo sviluppato un comparatore di soluzioni online che vi consente di definire il vostro profilo di investimento e di ottenere un confronto completo delle migliori soluzioni.